Per i portatori di handicap


Girare per Praga con una carrozzina per disabili non è sempre semplice: sui marciapiedi non ci sono problemi, sono quasi sempre ampi e la pavimentazione è liscia e piuttosto regolare, di contro però la pavimentazione delle strade e delle piazze potrebbe creare dei problemi, specialmente nei tratti in salita o in discesa, senza contare che spesso vi sono di mezzo anche i binari del tram.

Nel caso dobbiate prendere la metro non ci sono particolari problemi, ricordatevi però che non tutte le stazioni sono dotate di ascensore: è quindi meglio scegliere di soggiornare vicino ad una fermata che sia dotata di ascensore.

Cliccando QUI potete scaricare la mappa della metro di Praga ad alta risoluzione: le fermate dotate di ascensore sono quelle che riportano il simbolo della sedia a rotelle.

Nel caso in cui dobbiate invece prendere il tram va fatta una distinzione tra quelli vecchi e quelli nuovi.

I tram vecchi (quelli con il doppio fanalino tondo per intendersi) non sono generalmente attrezzati per i portatori di handicap in quanto non hanno il pavimento del vagone a filo marciapiede: è decisamente meglio quindi aspettare il tram successivo, visto che comunque a Praga normalmente non occorre aspettare molto tempo tra una corsa e l’altra.

Fanno eccezione alcuni modelli che hanno la carrozza centrale con il pavimento a filo marciapiede: in questo caso premendo il tasto circolare blu accanto alla porta di accesso l’autista scenderà per posizionare la rampa di salita a bordo.

Lo stesso discorso vale per i nuovi tram, dove non ci sono assolutamente problemi a salire o scendere, così come nel 95% degli autobus.

Nei tram nuovi (e in quelli vecchi dotati di vagone a filo marciapiede) lo spazio per i portatori di handicap è sempre localizzato al centro, la porta giusta dalla quale salire (o le porte, nel caso ve ne fossero più di una) è sempre indicata da un apposito adesivo.

Anche prima di scendere è sempre meglio premurasi di premere il tastino blu dedicato alle persone con mobilità ridotta.


Leggi anche: Piccole regole non scritte